Archivio per maggio, 2008

Ace is not good, Ace is God

Pubblicato: 30 maggio 2008 in Uncategorized
Tag:

Come ci insegna Charles Lamb: l’asso nel gioco del poker non è buono, è Dio.

Ma a parte questo qualche giorno fa penso di aver giocato una delle partite di poker migliori della mia vita.

Ho giocato un Heads-Up (1vs1) a Texas Hold’Em NL, buy-in di $5+$0,25 con stack iniziale di $1500, come di consueto il teatro di battaglia è stato Pokerstars.

Dopo le primissime mani ho capito che l’avversario che avevo di fronte era un osso duro: molto più esperto di me, con all’attivo di non poche partite. Tale treemaster4, questo il suo nome.

Ha giocato molto bene: alternava in maniera astuta un gioco molto tight (chiuso) a loose (sciolto), con rilanci e semibluff difficili da leggere.
Stessa cosa anche per me, alternavo giocate molto granitiche e sicure con punti medio-bassi in semibluff o bluff puri a un gioco di tipo bet/check-call con best-hand o punti molto forti, con l’intento di confondere l’avversario sulla mia forza.

A volte, quando vincevo piatti facili con punti forti facevo vedere le carte, in maniera da sviare l’avversario nelle prossime mani, devo dire che ha funzionato molto bene.

Di tanto in tanto giocavo check-raise quando avevo punti forti e sapevo che l’avversario aveva abbastanza forza e pot odds necessarie per chiamare i miei raise.

E’ stata una partita molto psicologica, ritengo di aver giocato un’ottima partita poichè:

  • per tutta la durata del gioco sono stato chip-leader (posizione molto difficile da mantenere);
  • ho fatto pochissimi errori alla quale l’80% delle volte sono riuscito a rimediare;
  • ho giocato mani bassissime in situazioni di netto svantaggio risultando spesso vincitore del piatto;
  • ho avuto una lettura molto difficile perchè sono riuscito ad alternare bene il gioco.

L’ultimo punto in particolare, è stato determinante per l’esito.

Dopo quasi 45 minuti la giocata che determina il vincitore:

*************************************************************************************
Poker Stars, $5 + $0.25 NL Hold’em Tournament, 50/100 Blinds, 2 Players
LeggoPoker.com – Hand History Converter

treemaster4 (BB): 1,165
Vernon_AAftw (SB): 1,835

Pre-Flop: (150) K 9 dealt to Vernon_AAftw (SB)
Vernon_AAftw calls 50, treemaster4 raises to 200, Vernon_AAftw calls 100

Flop: (400) 8 5 6 (2 Players)
treemaster4 bets 965 and is All-In, Vernon_AAftw calls 965

Turn: (2,330) 8 5 6 [ K ] (2 Players – 1 is All-In)

River: (2,330) 8 5 6 K [ 6 ] (2 Players – 1 is All-In)

Results:
2,330 Pot

treemaster4 showed A T (a pair of Sixes) and LOST (-1,165 NET)
Vernon_AAftw showed K 9 (two pair, Kings and Sixes) and WON 2,330 (+1,165 NET)

*************************************************************************************

Devo ammettere che nell’ultima mano la dea bendata mi ha aiutato molto, ma d’altronde per uno come me è cosa veramente rara..

Alla fine ho strappato 10 bei dollaroni all’avversario.

Annunci

Souls Of Black

Pubblicato: 19 maggio 2008 in Musica
Tag:,

Testament – Souls Of Black

Can’t you see
That in the world we live in
Political lies
Are just corporate decisions
They’ll take away
All the hopes, not their promises
They’ll put an end to this
Land of the livin

Look at the lost souls
They seem so black
Look at the lost souls
Souls of black

They got control
Of the heart of a nation
Their social bribes
Seem so graciously
As time goes by
‘Cause time as you can see
Will slowly die for you and me

Look at the lost souls
They seem so black
Look at the lost souls
Souls of black

So put an end
To this idolization
Antagonizing so commonly
Open your eyes
‘Cause the lie’s there so plain to see
Life goes on
There’s no guarantees

Look at the lost souls
They seem so black
Look at the lost souls
Souls of black

They’re bleeding so black

Las Vegas

Pubblicato: 1 maggio 2008 in Cinema
Tag:,

“A quel tempo Las Vegas era un posto dove milioni di fessi arrivavano ogni anno sulle loro monetine e ci lasciavano quasi un miliardo di dollari.

[…]Cosa credete che facciamo qui in mezzo al deserto: si tratta di tutti questi soldi. E’ il risultato finale di tutte le insegne luminose, i viaggi omaggio, di tutto lo champagne, le suite d’albergo gratuite, tutte le donnine e tutte le bevute. E’ stato tutto organizzato solo per beccarci i vostri soldi, è questa la verità su Las Vegas. Siamo noi gli unici vincitori, i giocatori non hanno nessuna possibilità.”


Sam ‘Ace’ Rothstein

“Le macchinette facili stanno proprio li dietro.”

“Ma che ci fanno li dietro? Portale qui è meglio, non le vedi neanche li dietro.”

“D’accordo.”

“E dove sono finite quelle con i grossi jackpot, dove sono?! Queste macchine sono nascoste, sono le nostre macchine migliori, scatenano l’azione ora si spiega perchè siamo in calo.
L’azione è davanti non di dietro, mettile davanti!”

“Va bene, lo farò lo farò.”

“Stammi a sentire con molta attenzione, ci sono tre modi di fare le cose qui: il modo giusto, il modo sbagliato e il modo in cui le faccio io. Capisci?!”

“Capisco perfettamente, mi ci metto subito.. e grazie!!!”

“Non ringraziarmi fallo e basta, sei il direttore delle slot non dovrei dirtelo io.”

“Accidenti ha ragione signor Rothstein, mi dispiace.”

“Quando ami una persona devi fidarti di lei, non c’è altro modo.
Devi darle la chiave di tutto quello che è tuo, altrimenti a che serve.
E per un po ho creduto di avere un amore così.”

“Quando ho sposato Ginger sapevo tutte le storie,
ma non me fregava un cazzo.
Mi dicevo ‘sono Sam Rothstein, io posso cambiarla’.”

“La città non sarà più la stessa.
Dopo il Tangiers, le grandi società si impossessarono di tutto,
oggi assomiglia a Disneyland.
E mentre i bambini giocano coi pirati,
mamma e papà lasciano le rate per la casa e i soldi
per l’università del piccolo nelle slot machine.

Una volta i croupie sapevano il tuo nome, cosa bevevi, cosa giocavi. Oggi è come all’aereoporto e se chiedi il servizio in camera
sei fortunato se  ti arriva per giovedì.
Oggi è tutto finito: arriva un pescecane con quattro milioni di dollari e uno studente della scuola alberghiera gli chiede il numero della sua previdenza sociale.
Dopo che i trasportatori furono sbattuti fuori le società rasero al suolo praticamente tutti i vecchi casinò, e da dove sono spuntati fuori i soldi per ricostruire le piramidi? Dalle azioni truffa.”

Sam ‘Ace’ Rothstein.